.

Novità

HATHITRUST: HathiTrust is a partnership of academic and research institutions, offering a collection of millions of titles digitized from libraries around the world. 18 Luglio 2022 - https://www.hathitrust.org/about https://catalog.hathitrust.org/Record/100236594?type%5B%5D=all&lookfor%5B%5D=architettura%20pratica%20valadier&ft=ft Welcome to HathiTrust! Founded in 2008, HathiTrust is a not-for-profit collaborative of academic and research libraries preserving 17+ million digitized items. HathiTrust offers reading access to the fullest extent allowable by U.S. copyright law, computational access to the entire corpus for scholarly research, and other emerging services based on the combined collection. HathiTrust...
CONVEGNO – CONVENZIONE DI FARO e Obiettivi di sviluppo sostenibili: destini incrociati. 10 – 11 Giugno 2022 / Ravello. 16 Giugno 2022 - https://www.aib.it/attivita/convegni-e-seminari/2022/99120-convenzione-faro-obiettivi-sviluppo-sostenibile-abstract/ Prima sessione: Chi fa cosa in Italia. Quadro normativo, stakeholders, rilevazioni, azioni di sistemaChair: Alfonso Andria (Presidente del Centro Universitario Europeo per i Beni culturali) Interventi (ordine alfabetico): Valorizzare l’eredità culturale come bene comune nell’orizzonte della Convenzione di Faro, Viviana Di Capua (Ricercatore in Istituzioni di diritto pubblico, Università di Napoli Federico II) Il dibattito contemporaneo sui...
CONVENZIONE DI FARO / CONSIGLIO D’EUROPA: La Convenzione di Faro sottolinea gli aspetti importanti del patrimonio culturale in relazione ai diritti umani e alla democrazia. Promuove una comprensione più ampia del patrimonio culturale e della sua relazione con le comunità e la società. La Convenzione ci incoraggia a riconoscere che gli oggetti e i luoghi non sono, di per sé, ciò che è importante del patrimonio culturale. Essi sono importanti per i significati e gli usi che le persone attribuiscono loro e per i valori che rappresentano. 11 Giugno 2022 - https://www.coe.int/it/web/venice/faro-convention La Convenzione di Faro è una “convenzione quadro” che definisce le questioni in gioco, gli obiettivi generali e i possibili campi di intervento degli Stati membri per progredire. Ogni Stato membro può decidere i mezzi più convenienti per attuare la convenzione in funzione dei suoi quadri giuridici o istituzionali, delle sue pratiche e della...
USMODERNIST: banca dati americana con un grande numero di riviste disponibili al download – Welcome to the USModernist® Library, the world’s largest open digital collection of major US 20th-century architecture magazines. 25 Maggio 2022 - https://usmodernist.org/library.htm Architecture Magazine Library – Welcome to the USModernist® Library, the world’s largest open digital collection of major US 20th-century architecture magazines, with over 4 million downloadable pages.  Access to legacy publications has never been more critical for preservation, and now architects, realtors, owners, sellers, and buyers have an easy way to research 20th-century architecture...
Centro Archivi Fondazione MAXXI: 1932\2022: 90 anni di archivi per progettare il futuro 17 Maggio 2022 - In occasione della XII Giornata Nazionale degli Archivi di Architettura dal tema La dimensione umana, il Museo, in collaborazione con Sport e Salute S.p.a. e l’Ordine degli Architetti di Roma, organizza un evento per riflettere sull’evoluzione urbanistica e architettonica del quartiere Flaminio di Roma, dal 1932 agli attuali progetti di sostenibilità e innovazione del Grande MAXXI e...
ROMA TRE-PRESS: SOStenibilità – Tre lezioni sull’Agenda 2030. 26 Aprile 2022 - https://romatrepress.uniroma3.it/libro/sostenibilita-tre-lezioni-sullagenda-20 Abstract: Alla fine del 2019 l’Università Roma Tre ha insediato un gruppo di lavoro sullo sviluppo sostenibile e nell’Anno accademico 2020/21 è stato lanciato un corso multidisciplinare sull’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, aperto a tutti gli studenti dell’Ateneo. A una serie di lezioni comuni tenute da relatori di alto profilo si sono affiancati percorsi...
Canadian Centre for Architecture CCA Montreal / Centro canadese di architettura – Il Canadian Centre for Architecture o Centre Canadien d’Architecture è un museo e centro di ricerca di architettura situato a Montreal, Québec, Canada. 23 Marzo 2022 - https://www.cca.qc.ca/en/ Phyllis Lambert è il fondatore emerito e il direttore del CCA , Bruce Kuwabara è presidente del consiglio di amministrazione, Giovanna Borasi è la direttrice. Il complesso è stato progettato e costruito dall’architetto Peter Rose. Il CCA ha anche un giardino architettonico, situato sul lato sud di René Lévesque Boulevard, all’interno del quale si trova il giardino delle sculture che è stato realizzato...
Università della Svizzera italiana: Mostra / Exhibition / Nuova esposizione in Biblioteca – Ricordi d’Egitto. Un raro fondo fotografico del mercante (d’arte) André Bircher a Il Cairo. 8 marzo – 23 aprile 2022. 10 Marzo 2022 - https://iconoteca.arc.usi.ch/it/collezione/2402 A cura di: Angela Windholz, Elisabetta Zonca Vetrina bibliografica: Silvio Bindella Grafica: Alberto Canepa Tutte le fotografie sono consultabili anche online: Iconoteca dell’Accademia di architettura la Biblioteca dell’Accademia di architettura ha il piacere di segnalarvi la sua nuova esposizione, che mette in valore un prezioso fondo fotografico recentemente acquisito e restaurato. Le 91 fotografie...
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI FIRENZE / SBA Sistema Bibliotecario di Ateneo – MOSTRA BIBLIOGRAFICA: Facciamo scuola. Gli architetti radicali fiorentini nella collezione della Biblioteca di architettura. 11 marzo – 15 aprile 2022. 10 Marzo 2022 - https://www.sba.unifi.it/n1485.html Venerdì 11 marzo, quando si concluderà l’iniziativa Facciamo scuola del DIDA, a Palazzo San Clemente aprirà i battenti la mostra bibliografica Facciamo scuola. Gli architetti radicali fiorentini nella collezione della Biblioteca di architettura.La mostra, a cura della Biblioteca di architettura, documenta le radici e lo stretto legame tra la Facoltà e l’avanguardia radicale fiorentina. Nelle bacheche dell’Archispazio è...
 Un Blog per il CNBA: RAINBOW
Un Blog per il CNBA: RAINBOW

Luglio 1995: nasce l’idea di uno strumento elettronico di informazione, per i soci CNBA e non solo [leggi..]

Amico CNBAAmici del CNBA

Il CNBA è una associazione di Bibliotecari che lavorano nell’ambito delle biblioteche Universitarie di architettura, pianificazione territoriale, urbanistica, tecnologia, ingegneria e storia dell’arte [leggi…]

Ballando nell’architettura – Riccardo Raimondi

https://youtu.be/NB54uLacr8o

https://youtu.be/2nxGNmc05PE

https://www.youtube.com/watch?v=UOKuDLvu4r81)

https://www.youtube.com/watch?v=iTch-9gBWQo

https://www.youtube.com/watch?v=D3-EJbaUq_I

PONTE DEL DIAVOLO A LUCCA:

Il Ponte della Maddalena (detto Ponte del Diavolo) attraversa il fiume Serchio nei pressi di Borgo a Mozzano, in provincia di Lucca. A seguito della sua forma, del suo arco più alto, ampio e particolare, quasi inumano, questa perla dell’ingegneria è oggetto di molti racconti. La costruzione di un ponte che mettesse in collegamento la due sponde del Serchio si deve alla volontà della contessa Matilde di Canossa a cavallo tra l’XI e il XII secolo, ma le fattezze attuali si devono al rifacimento di Castruccio Castracani, signore di Lucca all’inizio del XIV secolo. Il ponte, pur con vari rimaneggiamenti, rimase intatto almeno fino al 1836 quando una violenta piena del Serchio arrecò gravi danni. All’inizio del 1900 fu invece aperto un nuovo arco nella parte terminante ad ovest per il passaggio della ferrovia Lucca-Aulla modificandone pesantemente la forma originaria. Deve il suo nome ad una cappella o oratorio che si trovava sulla sponda a sinistra del ponte.

2) BRAZILIAN WAR MEMORIAL A GAGGIO MONTANO:

Il monumento è stato progettato da Mary Vieira nel 1996 è collocato alla Guanella nel 2001 per ricordare le vittime della guerra dove sono caduti tantissimi brasiliani che hanno cercato di conquistare la “cima imprendibile” http://www.bibliotecasalaborsa.it/cronologia/bologna/1944/1444. I soldati brasiliani della FEB attaccarono le difese tedesche sul Monte Castello, sopra Gaggio Montano, in condizioni atmosferiche proibitive. Riportano notevoli perdite (146 caduti), anche per un bombardamento prematuro dell’artiglieria americana. Nell’azione di conquista dell’Abetaia muoiono 17 soldati in una sola compagnia (I 17 dell’Abetaia). E’ solo l’ultimo di una serie di vani assalti (i precedenti il 24 e il 29 novembre, con 416 caduti) portati dai brasiliani e dai soldati americani della 45a Task Force. Il corpo di spedizione brasiliano (FEB) è formato da una divisione di fanteria (circa 25.000 uomini di cui 15.000 combattenti) appoggiata da una piccola forza aerea. Giunta in Italia nel luglio 1944, al comando del generale J. B. Mascarenhas de Morais, la FEB è stata aggregata al 4° Corpo della V Armata americana. Ha iniziato la sua campagna militare in settembre nella zona di Camaiore e in Garfagnana e dai primi giorni di novembre è stata trasferita nell’Alto Reno, con l’obiettivo primario della conquista di Monte Castello. Il caposaldo tedesco, tenuto da fanti della 232a divisione Tridente, formata di veterani del fronte russo e da giovani reclute della regione di Francoforte al comando del gen. von Gablenz, resisterà per tutto l’inverno e sarà conquistato solo nel febbraio 1945, nell’ambito del Piano Encore. Un monumento della scultrice Mary Vieira alla Guanella ricorda il sacrificio dei “pracinhas” (soldatini) carioca sulla “cima imprendibile”.

3) MARY VIEIRA:

Mary Vieira (1927-2001) è stata una scultrice brasiliana. È stata la prima artista brasiliana a vincere la Biennale d’Arte di San Paolo (durante la seconda edizione). È nata e cresciuta a Minas Gerais . Ha studiato con Alberto da Veiga Guignard a Belo Horizonte . Nel 1947 espone nella Sala dei Giovani Artisti Brasiliani del Comune di Belo Horizonte. “Mary Vieira si definiva un’ideatrice plastica . Anticipava che le divisioni tra le categorie del disegno, della pittura, della scultura e dell’architettura si sarebbero estinte e considerava l’interdisciplinarità la chiave per l’evoluzione dell’arte. I concetti principali del suo lavoro sono assolutamente contemporanei Portando con sé alcuni modelli che aveva idealizzato in precedenza in Brasile, si trasferì in Svizzera nel 1951. Nel 1952 fu invitata a pubblicare la collana Zeiten einer Zeichnung per Spirale, i maggiori editori concretisti dell’epoca. E lì sta tutta l’essenza della sua l’opera, che si dipana dal concretismo all’arte cinetica, o, più precisamente, al cinevisualismo. Come ha sottolineato il critico e poeta italiano Carlo Belloli, l’opera di Mary Vieira chiama lo spettatore all’arte. La coerenza, la precisione e la completezza della visione estetica dell’artista non sono mai state mostrate completamente nel suo paese d’origine. Mary Vieira – O Tempo do Movimento è l’occasione per far rivivere questa artista internazionale che, secondo Markus Kütter, ha sempre portato come un velo le sue origini brasiliane su di sé .” (Denise Mattar, Curatrice)